Biografia

Perugia, 6 novembre 1930

Pittore perugino prevalentemente figurativo Franco Venanti nasce il 6 novembre 1930, sotto il segno dello Scorpione, segno che sa far passare stravaganze e ribellioni per costanza e fedeltà, di cui l’artista ne manifesta almeno tre: la pittura, Perugia, la casa di Fontivegge. Non ha mai voluto abbandonare la città, né separarsi dalla casa, né della bottega colma di pop-art.

Inizia a dipingere a 13 anni alla Bottega del pittore Adalberto Migliorati. Alle Medie viene promosso ‘per eccezionali capacità artistiche’ con il consiglio di proseguire gli studi presso l’Istituto d’Arte. Sceglie invece il Ginnasio e poi il Liceo Classico. Intraprende gli studi giuridici, senza portarli a termine. Da quel momento si dedica totalmente all’arte. Prende a dipingere soggetti religiosi: grandi crocifissioni, contadini e operai ai piedi del patibolo.

Nel 1963 fonda a Perugia l’Associazione Culturale ‘Luigi Bonazzi‘, insieme a Gerardo Dottori ed altri intellettuali perugini. Rimane Presidente dell’Associazione fino al 1974. Lo scopo principale della sua associazione è quello di far conoscere gli aspetti storici, scientifici, artistici dell’Umbria.

Nel 1970 espone per la prima volta all’estero, in Spagna, alla Biennale di Madrid e sempre nello stesso anno a quella di Barcellona.

Nel 1978 gli viene conferito dal Comune di Terni il ‘Valentino d’oro’ per meriti artistici.

Nel 1982 viene nominato Commendatore.

Tre anni più tardi, nel 1985, un altro importante riconoscimento: Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Mostra Personale alla Galleria di Thomas Kou & Saburo Hwang, a Tokyo, nel 1993.

Nel 2003 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi viene insignito della Medaglia d’argento ai benemeriti della cultura e dell’arte. Successivamente il Comune di Perugia lo inserisce nell’Albo d’Oro dei cittadini più illustri.

Le sue opere figurano in numerose collezioni private e pubbliche, nazionali ed estere.

Insieme al fratello Luciano ha ideato l’Agosto Corcianese o anche chiamato Corciano Festival.