Biografia

Bussi sul Tirino (Pescara), 1938

Ugo la Pietra, di formazione autodidatta, già dalle prime esperienze, attestabili al 1950, mostra una tendenza all’Espressionismo tedesco.

Nel 1957 si iscrive alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano.

Nel 1962 fonda il Gruppo del Cenobio, insieme ad artisti come Ettore Sordini, Angelo Verga e Agostino Ferrari, Arturo Vermi e il poeta Alberto Lùcia.

Nel 1964 sviluppa una serie di progetti con la collaborazione con altri scultori in cui si ricerca la sperimentazione in ambito di connessione tra le varie arti visive.

Nel 1967 inizia la redazione del ‘Sistema Disequilibrante’. Sarà questa una delle migliori rappresentazioni concettuali di radical design.

Nel 1968 si concentra sulla riappropriazione dell’ambiente nelle periferie sul concetto di arredo urbano.

Nel 1970 è invitato a partecipare alla XXXV Biennale di Venezia.

Nel 1972 è invitato a realizzare un allestimento al Museum of Modern Art di New York nella mostra ‘Italy New Domestic Landscape’.

Nel 1974 si adopera nella organizzazione della mostra ‘Gli abiti dell’imperatore’ presso la galleria Luca Palazzoli di Milano.

Nel 1977 coordina le attività delle arti visive al Centro Internazionale di Brera di Milano.

Nel 1979 vince il Compasso d’Oro. Gli viene assegnato il ruolo di curatore alla XVI Triennale di Milano per quanto riguarda la Sezione Audiovisiva.

Nel 1982 progetta e realizza il Monumento alla Memoria nella città di Prato e diversi elementi per il quartiere Spring Siedlung di Berlino.

Dal 1985 al 1999 coordina diverse mostre, sul tema dell’artigianato artistico coinvolgendo diverse aree territoriali (alabastro di Volterra, pietra leccese, pietra lavica, pietra lavagna, ceramica di Faenza, ceramica di Deruta, ceramica di Vietri, vetro di Murano ecc.).

Nel 1985 è incaricato della progettazione e ristrutturazione dell’Orto Botanico di Milano.

Nel 1990 progetta a Bologna “Il giardino all’italiana” al Cersaie.

Nel 1991 organizza una personale al Museè d’Art Contemporain di Lione.

Nel 1996 è organizzatore del I° Premio di Artigianato Artistico organizzato dal Comune di Todi.

Nel 2001 a Lucca viene organizzata su iniziativa di Vittorio Fagone una personale alla Fondazione Ragghianti.

Nel 2002 la Provincia di Perugia organizza una sua rassegna all’interno della Rocca Paolina.

Nel 2006 è invitato alla Terza Edizione della Biennale di Ceramica nell’Arte Contemporanea, ad Albissola.

Nel 2008 organizza al Triennale Design Cafè una mostra dal tema Ugo la Pietra, Ceramiche.

Nel 2010 partecipa alla mostra storica incentrata sul celebre Gruppo del Cenobio, presso la Galleria Artestudio di Milano.

Nel 2012 realizza una nuova collezione in ceramica di Caltagirone, che intitolerà ‘Segni Zodiacali’.